Alphabets (seen in profile)

Alphabets (seen in profile), «Infinity’s Kitchen», n.10, 2019.
ISBN 978-1795298803

Infinity’s Kitchen is an experimental literary journal. It explores a place for literature in a post-digital setting, publoshing creative work that results from new recipes, or from existing recipes compellingly redefined. We seek to experiment with the ways to make literature. Contributors in this issue: Jack Williams, Federico Federici, Marton Koppany, Anna Ciummo, Laura Ortiz, Daniel King, Bruno Neiva, Glen Armstrong, Sacha Archer, Zorica Petkoska Kalajdjieva, Ryan Snyder, Simon Wake, Joseph Young.

A zero-point writing? – Un grado zero della scrittura?

Full pdf download
by Federico Federici

In ordinary texts, words are exactly discernible and in relation to a syntax that regulates their connections. They objectively exist and that does not impinge on their readability.
In asemic texts, on the contrary, the lack of “words” imposes to drop the claim that we can detect them in some dictionary. The signifier and the signified of a sign thus resemble the momentum (“speed”, in a way) and the position of a particle in the quantum world: we cannot exactly detect both at once, according to what the Heisenberg principle inherently states. That actually deprives textuality too of the sense of the real we got acquainted with.
The asemic text seems to challenge the reader’s clairvoyance to discharge a signification of its own, rather than reduce itself to an aesthetic artefact of the renunciation of meaning.
An extensive conceptual breach is set against the entrenched dogma of experience, whose uniqueness of content is suspended through the mimicry of language. Although the trigger may often be traced back to some previous idea of writing, text falsification is institutionalized.
Such phenomenon occurs in that stretch of “no language’s land” between pure literature and visual art, where the spontaneous traits of handwriting are preferred to quite textual blocks. Every dot or stain and even every single bit in a digital array become part of the same loose alphabet.
Like smugglers on the guarded frontier of meaning, asemic writers trade somewhat secret scripts or drafts of confidential notes.
When no code is left or accepted to draw signs from, language reinvents itself in the common forge of form and meaning.
Since the writer gives up his status of deus ex machina, the reader/onlooker loses a traditional steady point of comparison. Even more so when all conventions get absorbed into nets of obscure though densely organized signs, different and more suitable paradigms must be developed. According to Marcel Broodthaers, even a paper of jurisprudence proves to be inspiring in this respect: «La place que le mot y occupe est une place nette. L’ambiguïté du Droit tient sans doute à l’interprétation du texte; à l’esprit et non à la lettre.»  [1]
On this basis, the question is put of whether to equate the asemic level and a sort of language zero-point, a ground state of writing or, most likely, the very state of the word before it meets an alphabet.
Upon conveniently rephrasing the Heisenberg uncertainty principle, while the classical text may get worked out to almost full meaninglessness, the asemic one persistently exhibits a residual meaning.
As structures collapse, dust particles attempt to relentlessly self-organise again, gravitating across the void of deconstruction. When language lays down the law, on the contrary, it is difficult to modify it, «[…] for words can only describe things of which we can form mental pictures, and this ability, too, is a result of daily experience […] for visualisation, however, we must content ourselves with […] incomplete analogies.»  [2]
In asemic texts, on the contrary, signs and meanings have been superseded by the pure notion of asemicism: writing attests its inexhaustible delay in meaning, according to the seemingly paradoxical, yet strict, formalism of what remains illegible.
Two systems thus coexist: a language embedded in a sediment of “things” and one embedded in a sediment of signs which have not been exposed to any “thing” yet, nor will they ever likely be. 

Nei testi di uso comune, le parole si distinguono con esattezza, riconducibili a una sintassi che ne regola i legami. La loro esistenza è oggettiva e non ne condiziona la leggibilità.
Nei testi asemici, invece, la mancanza di “parole” impone di rinunciare alla pretesa di rilevarle in qualche dizionario. Significante e significato di un segno somigliano perciò a quantità di moto (“velocità”, in un certo senso) e posizione di una particella nel mondo quantistico: impossibili da individuare con esattezza allo stesso istante, secondo quanto stabilisce intrinsecamente il principio di Heisenberg. Ciò, di fatto, priva anche la testualità di quel senso del reale con cui abbiamo dimestichezza.
Il testo asemico sembra sfidare la chiaroveggenza del lettore per aprirsi a un senso proprio, anziché ridursi a reperto estetico della rinuncia a significare.
Un’estesa frattura concettuale è contrapposta al radicato dogma dell’esperienza, la cui unicità di contenuto è sospesa nel mimetismo della lingua. Pur potendo spesso ricondurre lo spunto a un’idea pregressa di scrittura, la falsificazione testuale è sistematica.
Tale fenomeno si manifesta nel passaggio in una “terra di nessuna lingua” tra pura letteratura e arte visiva, dove i tratti spontanei della calligrafia sono preferiti a blocchi prevalentemente testuali. Ogni punto o macchia, persino il singolo bit di una matrice digitale diventano parte di un medesimo alfabeto slegato.
Come trafficanti alla frontiera sorvegliata del significato, gli scrittori asemici contrabbandano copioni segreti o bozze di appunti riservati.
Se il codice a cui attingere non c’è o non è accettato, la lingua si reinventa nella forgia che accomuna significato e forma.
Venendo meno lo scrittore nel ruolo di deus ex machina, il lettore/spettatore perde un punto fisso di riferimento.
A maggior ragione dove tutte le convenzioni sono riassorbite in reti di segni oscuri ma densamente organizzati, occorre sviluppare paradigmi diversi e più adatti. Secondo Marcel Broodthaers, persino un atto giudiziario si rivela fertile in tal senso: «La place que le mot y occupe est une place nette. L’ambiguïté du Droit tient sans doute à l’interprétation du texte; à l’esprit et non à la lettre.»  [1]
Su queste basi, si pone la questione se equiparare il livello asemico a una sorta di grado zero del linguaggio, stato fondamentale della scrittura o, più probabilmente, vero e proprio stato della parola prima che incontri un alfabeto.
Riformulando opportunamente il principio di indeterminazione di Heisenberg, mentre il testo tradizionale può essere scarnificato sino a quasi significare niente, in quello asemico persiste un significato residuo.
Al crollo delle strutture, le particelle di polvere provano senza posa a riorganizzarsi, gravitando nel vuoto della decostruzione. Quando è la lingua a dettare le regole, invece, è difficile modificarle, «[…] perché le parole riescono solo a descrivere cose di cui sappiamo formarci un’immagine mentale e pure questa facoltà è frutto di esperienza quotidiana […] giacché per visualizzarle dobbiamo comunque accontentarci di […] analogie incomplete.»  [2]
In un testo asemico, viceversa, significati e segni sono rimpiazzati dalla pura nozione di asemicità: scrivere attesta un’infaticabile esitazione nel significare, secondo il formalismo, apparentemente paradossale, ma stringente, di ciò che resta illeggibile.
Due sistemi perciò coesistono: una lingua inglobata in un sedimento di “cose” e una inglobata in un sedimento di segni che non sono ancora stati esposti a una “cosa”, né mai lo saranno forse.

[1] «The place that the word occupies in it is a clear place. The ambiguity of the Law undoubtedly lies in the interpretation of the text; in its spirit, not literally.» Broodthaers, Marcel: Art poétique in Broodthaers, (ed. B. H. D. Buchloh), Cambridge 1987, p. 16
[2] Heisenberg, Werner, The Physical Principles of the Quantum Theory, transl. Eng. C. Eckhart, F. C. Hoyt, Chicago 1930, p. 10.

Originally published on «Utsanga», n.15, 2018.