Quattro Quarti – Maurizio Maggioni


Nei Quattro Quarti di Antonio Diavoli, il verso libero si frantuma in brevi incisi, con frequenti rimandi a scambi d’identità letterarie (Eliot, Achmatova, Pasolini e altri). Oggetto della scarna poetica è il fenomeno singolare del cantare, del dirsi, secondo Massimo Sannelli, tra momenti di silenzio («atto minimo per portarsi altrove») e lotte esistenziali. Come l’idrometra (pag. 23) non si fa risucchiare nel proprio stagno/mondo, così il poeta incontra le superfici della propria realtà (pp. 22, 46). Il passato, l’amore vero verso i morti (pag. 54), il movimento a ritroso (Giuliano Mesa), la coda dell’occhio e gli scorci in retrospettiva (pag. 22) fanno del momento post-mortem l’unico istante possibile della ricapitolazione biografica in senso pasoliniano. – Maurizio Maggioni, Carmina

Disponibile in tutte le librerie su ordinazione e su internet presso i principali rivenditori: barnes&noble | amazon.it | .com | .de | .es | .uk

Le api migratori di Andrea Raos (Oèdipus, 2007)

Al vento che chiede «perché voli?»
ribatte l’ape la domanda: «perché soffi?»

 

Se un antefatto è da cercarsi all’origine di un libro, Le api migratori prendono spunto dagli esperimenti del biologo brasiliano Warwick Estevam Kerr nel laboratorio di Rio Claro, nello Stato di San Paulo, nella prima metà degli anni Cinquanta. Kerr incrociò Apis mellifera scutellata, originaria dell’Africa centro-orientale, con sottospecie europee (Apis mellifera mellifera, Apis mellifera ligustica e altre), nel tentativo di ottenere un ibrido docile e produttivo, più adatto ai climi tropicali dell’America centro-meridionale. Nacquero così le api africanizzate, meglio note come “api assassine” che, accanto a una migliore efficienza produttiva, manifestano però tratti ereditati dall’antenato africano, quali la tendenza a sciamare in cerca di cibo seguendo le stagioni e una spiccata aggressività a difesa della zona intorno all’alveare, con attacchi protratti a lungo raggio. Ci sono casi documentati di occupazione e sottomissione di colonie d’api preesistenti. Altro aspetto che le distingue dal tipo europeo è il frequente insediamento nelle cavità del terreno. Sfuggite per errore dal laboratorio di Kerr nel 1957, sono migrate a nord attraverso il Messico. Per effetto di ripetuti incroci con api del ceppo europeo già presenti sul territorio, i caratteri aggressivi si sono gradualmente attenuati, ma l’allarme resta alto soprattutto nelle aree urbane più densamente popolate. In alcuni Stati, come la Florida, si sono attivate vere e proprie campagne di informazione e messi a punto protocolli di intervento (African Bee Action Plan), per fronteggiare l’eventualità di un attacco in sciame. Ampio rilievo hanno in letteratura le statistiche su casi documentati, fatali a uomini o animali.
Con questa premessa, è possibile inquadrare una prima struttura nel lavoro di Raos, Continue reading “Le api migratori di Andrea Raos (Oèdipus, 2007)”