VI.b Senza fanfara largo calando

Quanti se ne sono andati
dove mi dirigo anch’io, tanti
che non si direbbe dove
li han portati, a passi lunghi
dentro fiumi e campi,
non lasciando a caso niente,
neanche il sangue sulle pietre,
né le tracce calpestate
dalle impronte dei soldati,
non un’ombra sui lenzuoli,
solo sporco di trincea,
polvere degli scomparsi.

Da Alter Krieg, Morrisville 2017, ISBN 978-0244926977.
Disponibile su Amazon e in tutte le librerie su ordinazione.
Tiratura da collezione: Parabellum, Nervi Edizioni 2017.

Advertisements

IV.b Rastrellamento moderato

Un soldato dà il segnale d’alt,
spara una volta sola a salve.
Le finestre sbattono di colpo.
Una mitragliata squarcia l’aria.
Altre, brevi e secche,
sbriciolano il muro. La carcassa
della casa sputa stracci crivellati.
L’allegria d’assalto mette smania
di conquista: si vendemmia
sangue, si dà fuoco in corsa
alle baracche, si calpesta ferro,
sasso, corpo, si fa scempio
d’ogni viso livido insepolto.
Gli occhi duri sulla morte
altrui, infuocati, nella propria
sono fiori chini, chiodi
conficcati.


Da Alter Krieg, Morrisville 2017, ISBN 978-0244926977.
Disponibile su Amazon e in tutte le librerie su ordinazione.
Tiratura da collezione: Parabellum, Nervi Edizioni 2017.

II.a Tema, contraerea andante legato

Finiva all’improvviso la città
in una riga nera ad est dei suoi
confini illuminati a fuoco dai
mortai. I grilli nell’oscurità

di dieci casolari neri
frinivano tra quegli schianti,
le bocche nere dei soldati
si richiamavano agli spari.

I vivi, a furia di sparare
colpi in aria, avevano
afferrato i morti.

I colpi, a furia di scavare
buche in terra, avevano
sepolto i vivi.


Da Alter Krieg, Morrisville 2017, ISBN 978-0244926977.
Disponibile su Amazon e in tutte le librerie su ordinazione.
Tiratura da collezione: Parabellum, Nervi Edizioni 2017.

I.a Preludio allegretto

Gli ho detto: «è dura
lotta, lascia pure
la speranza, entra tu
nel vivo della guerra
e al segnale spara.

Infittire i colpi conta,
non mirare, non importa
a chi far fuoco, ma sparare
e così togliersi di dosso
la paura di morire.»


Da Alter Krieg, Morrisville 2017, ISBN 978-0244926977.
Disponibile su Amazon e in tutte le librerie su ordinazione.
Tiratura da collezione: Parabellum, Nervi Edizioni 2017.

Senza fanfara, largo calando

Quanti se ne sono andati
dove mi dirigo anch’io, tanti
che non si direbbe dove
li han portati, a passi lunghi
dentro fiumi e campi,
non lasciando a caso niente,
neanche il sangue sulle pietre,
né le tracce calpestate
dalle impronte dei soldati,
non un’ombra sui lenzuoli,
solo sporco di trincea,
polvere degli scomparsi.

Da Alter Krieg
Morrisville 2017
ISBN 978-0244926977
Disponibile su Amazon e in tutte le librerie su ordinazione.

Su “Alter Krieg” – Sara Veltroni

Questo libretto per un requiem si articola in sezioni tematiche, che affrontano la guerra in tutti i suoi frangenti: l’arruolamento e la partenza di soldati spesso giovanissimi, l’arrivo al fronte, lo scavo e la difesa delle trincee, gli assalti, le ritirate, la resistenza e le rappresaglie, i bombardamenti, le tregue e le città aperte. In queste pagine, si rianimano figure altrimenti dimenticate nei numerosi diari di guerra e corrispondenze private, conservati dai familiari dei reduci. Nei versi riecheggiano Stalingrado e Nikolajevka, la battaglia di Berlino del ’45, le vicende dei deportati e degli scampati ai lager, le voci dei testimoni dei tanti episodi di guerra locali, estrema trincea della miseria umana, come l’eccidio di resistenza nei pressi del forte Tortagna, sull’Appennino ligure.
Nessun superstite si sente mai scampato a quell’orrore e la parola, che qui entra in guerra e si fa incendiaria, esprime l’irriducibilità del suo dolore.

Sara Veltroni

ordini: amazon.it | .com | .de | .uk | libri della neve