n.58 – Reperti del silenzio

Passeggiando lungo un tratto di sentiero ghiacciato, ho raccolto foglie accartocciate, grovigli di radici e piume di uccelli, gusci, semi e cortecce rosicchiate dai cervi. Da tempo, catalogo reperti di bosco, esplorandone le pieghe e le torsioni invisibili, i tagli inferti dai rumori, sempre in cerca di un indizio, di quell’attimo preciso in cui l’ultima parte viva della pianta si atrofizza e il silenzio s’impossessa dell’intera struttura, trasformandola in scultura organica. A ogni frammento associo una didascalia, un verso lungo che perimetri le circostanze del rinvenimento, lo collochi nel corpo vivo del bosco e formuli un’ipotesi sulla sua storia.
Questa pratica d’archivio rigorosa si ispira alla scrittura: come su radure brulle sembra non affiori nulla, non lo scheletro di un fiore, non lo stelo di una sempreverde disseccata e invece tra le pietre spunta il croco, così la parola buca i punti morti del discorso e all’orecchio accosta il fiato corto e pende aperta sull’abisso, come sopra l’acqua nera si spalanca l’occhio.

Advertisements

One comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s