n.54 – Valdinferno, dalla casa di pietra vicino al bosco di betulle

Ci sono diari in cui raccolgo gli arti secchi dei discorsi colti al volo; angoli di casa in cui non poso più la mano, punti inesplorati dove un’elitra sguarnita si riordina alla polvere.
Ci sono luoghi che si volgono a noi sempre da lontano – pareti verticali, guglie, spigoli, ghiacciai spaccati al sole, alpeggi popolati da pastori d’ombre, incamminati lungo precipizi erbosi, dietro greggi inesistenti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s