Carteggio XXVII

L’altra metà di un carteggio (di tanto tempo fa). Il video a cui si accenna nella lettera è QUI.

Carteggi Letterari - critica e dintorni

Caro Federico,

Il fuoco con gli anni si va spegnendo e dovrebbe tornare la misura. Non ci sono date precise per la crescita, né per la misura, io ho sovvertito le regole prevedibili per natura per diverso tempo, ma oggi sono tornata ad essere vecchia, per fortuna, con   autoironia insperata. Riesco ad essere sempre meno “social” anche per questo, per l’esigenza di tornare a esprimermi in linea retta, per estensione, ma soprattutto per elezione e misurata selezione. I social sono dei tritatutto che centrifugano velocemente ogni pensiero e il nostro modo di intendere la comunicazione si va avvilendo sempre più, mutando inevitabilmente al passo con i tempi e con le esigenze frenetiche di questo continuo mordi e fuggi. Leggo prose e prosette piene di punti e accapo, o senza punteggiatura, quasi prive di sintassi. L’oggettivazione di tutto e la rapida assimilazione dello stretto necessario pare essere il nostro pane quotidiano. Non c’è da sorprendersi…

View original post 444 more words

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s