n.29 (pensiero sull’omicidio Pasolini e la fucilazione di Lorca)

Se sei accanto a un poeta, non te ne accorgi per le parole che dice sovrastando gli altri, ma per il silenzio con cui accoglie quelle che gli scagliano contro e per il modo in cui non para il colpo, lasciandolo affondare nella sua anima immortale. Lo sguardo incontra di rado le bocche, che mirano a caso. Non è disarmato, ma è come avesse una sola possibilità per sempre, un’ultima parola da tenere per sé, tra le pagine, chiusa, da rivolgere al petto in saluto alla morte.

Advertisements

One thought on “n.29 (pensiero sull’omicidio Pasolini e la fucilazione di Lorca)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s