n.24

Lo spazio espositivo è un luogo in cui si magnifica il mondo. Nella sua focale, le cose assumono una chiarezza unica, rivelano dettagli giganteschi e mostruosi fuori contorno. Perciò le stanze sono spesso vuote e la luce fissa e uniforme.
Uno sciame d’api tolto al prato e soffocato in una teca, il contorto sfinimento di un filo d’erba, il livido dolore esposto nudo, senza mediazione, o l’agonia sino alla morte sono l’urlo amplificato dal silenzio.
Una parata di curiosi e ignari si aggira intanto per le stanze, non riconosce ciò che vede. La crudeltà dei gesti appare solo estrema posa incontrollata. Esporre a quel modo il male del mondo, mutilando la Storia di cui è parte inevitabile e necessaria!
Tutti pupazzi a molla usciti a scatto dalla scatola.
Ha raggiunto il proprio scopo l’Arte.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s