n.8

Gli uccelli conoscono bene tutte le vie tra le foglie in queste giornate di vento, tanto da riuscire a guizzare tra i rami senza tirarsele addosso.
Io non so invece schivare da lontano i pensieri, eppure li conosco altrettanto bene.
Sento il supplizio di un pettirosso nel cuore di un rovo, che vola cercando di uscirne e sa che la fine è una spina sottile nell’ala, un graffio soltanto che sanguinerà per sempre, ma l’unica cosa che non so fermare è il suo volo.

One comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s