Sophie, di Hans Arp (parte 1)

L’interlocutrice di svariati testi tra quelli proposti è Sophie Täuber (1889-1943), compagna di Arp dal 1915, anno del loro incontro, per il resto della propria esistenza.

 

1943-1945

Die Herzen sind Sterne,
die im Menschen blühen.
Alle Blumen sind Himmel.
Alle Himmel sind Blumen.
Alle Blumen glühen.
Alle Himmel blühen.

 

Sono tante stelle i cuori,
negli uomini fan fiori.
Tutti i fiori sono cieli.
Tutti i cieli sono fiori.
Tutti i fiori incandescenti.
Fanno fiori tutti i cieli.

 

 

 

Ich spreche kleine, alltägliche Sätze
leise für mich hin.
Um mir Mut zu machen,
um mich zu verwirren,
um das große Leid, die Hilflosigkeit,
in der wir leben, zu vergessen,
spreche ich kleine, einfältige Sätze.

 

Mi ripeto a bassa voce
ogni giorno due parole.
È per farmi un po’ coraggio
e confondermi, e scordare
quel dolore così grande,
l’impotenza in cui viviamo,
che ripeto queste semplici parole.

 

 

 

Die Meere sind Blumen.
Die Wolken sind Blumen.
Die Sterne sind Blumen,
die im Himmel blühen.
Der Mond ist eine Blume.
Der Mond ist aber auch eine große Träne.

 

I mari sono fiori.
E fiori son le nubi.
E sono fiori gli astri,
in cielo son fioriti.
La luna è un fiore solo.
Pur una grande lacrima è la luna.

 

 

 

Ich spreche kleine, einfältige Sätze
leise für mich hin,
immerfort für mich hin.
Ich spreche kleine, alltägliche, geringe Sätze.
Ich spreche wie die geringen Glocken,
die sich wiederholen und wiederholen.

 

Mi ripeto a bassa voce
queste semplici parole
di continuo le ripeto.
Ogni giorno mi ripeto due parole, un niente.
Le ripeto come piccole campane
si ripetono, ripetono.

 

 

 

Sophie ist ein Himmel.
Sophie ist ein Stern.
Sophie ist eine Blume.

Alle Blumen blühen,
blühen für dich.
Alle Herzen glühen,
glühen für dich.

Nun bist du fortgegangen.
Was soll ich hier gehen und stehen.
Ich habe nur ein Verlangen.
Ich will dich wiedersehen.

 

Sofia è un cielo.
Sofia è una stella.
Sofia è un fiore.

Tutti i fiori in fiore,
fioriscono per te.
Tutti i cuori accesi,
s’incendiano per te.

Ma ora tu sei via.
Perché tocca a me venire qui e stare.
Ho solo una domanda.
Ti voglio rivedere.

 

 

 

Wie schnell vergeht ein Leben
in Gottes lichtem Dunkel.
Kaum ist heute gesagt,
ist morgen schon vergangen.
Und so vergehen die Jahre
mit Spielen, Träumen, Säumen.
Und so vergeht die Zeit,
in der die Blumen schweben.

 

Un passo è questa vita
nel chiaro buio in Dio.
Appena hai detto oggi
trascorso è già domani.
E van così anche gli anni
tra indugi, sogni, giochi.
Così trascorre il tempo
su cui s’attarda il fiore.

 

 

 

Seitdem du gestorben bist,
danke ich jedem vergehenden Tag.
Jeder vergangene Tag
bringt mich dir näher.

 

Da che sei morta
a ogni giorno che trascorre dico grazie.
Ogni giorno già trascorso
mi avvicina a te.

 

 

 

Hans (Jean) Arp (Strasburgo, 1887 – Basilea, 1966), scultore e pittore, sin dall’infanzia scrive poesie.
Tra il 1905 e il 1907 è allievo presso la scuola d’arte di Weimar. Nel 1911 a Weggis è tra i fondatori del gruppo “Der Moderne Bund”, insieme a Walter Helbig e Oscar Lüthy. Nel 1912 prende parte alla seconda esposizione del gruppo espressionista “Der Blaue Reiter” a Monaco. È il periodo dei primi collage astratti, della collaborazione con la rivista “Der Sturm” di Berlino (1913), degli incontri con artisti e intellettuali quali Max Ernst, Max Jacob, Robert Delaunay, Pablo Picasso, Vasilij Kandinskij, Amedeo Modigliani e altri.
Nel 1914 si rifugia in Francia, quindi l’anno successivo in Svizzera, dopo aver ottenuto l’esonero dal servizio militare nell’esercito tedesco. Del 1915 è l’incontro con Sophie Täuber, artista dalla personalità poliedrica, che sposerà nel 1922.
Nel luglio del 1916, durante una serata al Cabaret Voltaire di Zurigo, dove era solito riunirsi un gruppo formato dallo stesso Arp, Tristan Tzara, Marcel Janco, Hugo Ball, Emmy Hennings, Richard Huelsenbeck, ha luogo la prima vera presentazione del manifesto dadaista, successivamente elaborato, in chiave prevalentemente letteraria, da Tzara. In esso viene ribaltata con forza la fede nel canone estetico tradizionale e in molti ideali del positivismo, tra i quali l’esaltazione del progresso. L’azione artistica si fonda ora sull’azione esemplare, dissacrante, su un sagace anticonformismo che, stante il suo valore di rottura, si prefigge di scuotere dall’indifferenza la borghesia, richiamandola a istanze sociali più profonde.
Arp sviluppa con il tempo un linguaggio sempre più connotato, basato sulla combinazione di forme elementari, spesso mutuate direttamente da oggetti reali, ma isolate e riproposte, colte fuori del contesto d’uso. Tali caratteristiche ritornano nei legni scolpiti, nei collage e in altri lavori dipinti a colori vivaci o a rilievo. È così portata avanti la ricerca per le forme neutre, tema ricorrente nella sua scultura degli anni Trenta.
Di questo periodo è l’esplorazione della casualità, dell’aggregazione spontanea come atto creativo: compone nuovi collage con frammenti di carta lasciati cadere e incollati. Meccanismi analoghi saranno successivamente elaborati anche in ambito poetico dadaista.
Nel 1925 si sposta a Parigi, dove affianca il movimento surrealista e inizia a lavorare alle prime sculture. Del 1928 sono i primi tentativi di scrittura automatica e la partecipazione a quei momenti di composizione collettiva, di chiara matrice surrealista, noti come le cadavre exquis.
Diversi sono i gruppi che contribuisce a fondare, o ai quali fornisce il proprio appoggio ideologico o artistico. Tra questi “Cercle et Carré” (1929) e “Abstraction-création” (1932), legati all’arte concreta.
Intorno al 1930 appaiono nei collage i primi papiers déchirés (carte strappate).
A seguito dell’inizio del secondo conflitto mondiale Arp sceglie di cambiare il proprio nome da Hans in Jean e di rifugiarsi in Svizzera. Nel 1943, per una triste fatalità, scompare la moglie, Sophie Täuber.
Negli anni successivi alla guerra, l’interesse per la sua opera cresce in tutto il mondo. Nel 1954 ottiene il Premio Internazionale per la Scultura alla Biennale di Venezia e, a seguire, i più grandi musei di arte contemporanea, il Museum of Modern Art (MoMA) di New York e il Musée National d’Art Moderne di Parigi gli dedicano un’importante retrospettiva.
Arp muore a Basilea il 7 giugno 1966.

Arp ha continuato a scrivere e a pubblicare poesia dall’inizio alla fine dei suoi giorni. I testi, qui presentati in una traduzione ancora inedita, risalgono al periodo tra il 1943 e il 1945, immediatamente successivo alla scomparsa di Sophie Täuber.

 

Poesie di Hans Arp (1887-1966), traduzione e nota biografica a cura di Federico Federici, in “Ulisse” (autunno 2010) e in un volumetto in preparazione.

 

4 comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s