Corrispondenza breve tra me e una segretaria di concorso

 

Finale Ligure, 9 Luglio 2008

 

antefatto (verbatim, dal bando)

*

«L’associazione culturale *, con il patrocinio del comune di *, indice la quinta edizione del concorso di poesia, prosa e arti visive Città di *.
[…]
Ogni autore può liberamente concorrere in più sezioni, presentando lavori inediti che non siano stati mai premiati o segnalati in altri concorsi.
Non è prevista alcuna tassa di iscrizione o di lettura, fatto salvo l’obbligo di comprare una copia dell’antologia + CD al prezzo scontato di 25 Euro (sconto di 5 Euro sul prezzo di copertina).»

*

Gent.le artista, le inviamo in allegato notizia sul premio *, patrocinato dal comune di * ed inserito nel calendario delle manifestazioni del mese di Settembre. La partecipazione è gratuita. Ringraziandola dell’attenzione si porgono cordiali saluti. La segreteria.

Gentilissimi, ho letto il bando e mi resta oscuro questo passaggio: la partecipazione al concorso è libera e gratuita, ma vige l’obbligo di acquisto di una copia dell’antologia? Saluti. F.

Gent.le artista, non vi è tassa di lettura o iscrizione, però, essendoci la pubblicazione di una antologia con CD allegato, come specificato al punto 5 del regolamento, quella va acquistata. Molte cordialità. La segreteria.

Gentilissimi, ringrazio per la precisazione e comunico, giunti a questo punto, di non essere interessato. L’acquisto obbligatorio di una copia è una tassa a posteriori. Un po’ come nei locali «ingresso gratuito, consumazione obbligatoria». Vivissime cordialità. F.

Gent.le artista, se non è interessato va bene, ma l’acquisto di una pubblicazione che riguarda il partecipante non è una tassa, in quanto una tassa non ha un riscontro. L’acquisto è un avere in cambio qualcosa. Cordialità. La segreteria.

Gentilissimi, questo è un cavillo: un acquisto obbligatorio è una tassa [1]. Come il biglietto a un concerto. A ben vedere, poi, non dovrebbero sussistere tasse prive di un riscontro (in termini di servizi sociali o altro), per lo meno in uno Stato onesto. Ad ogni modo, non volendo pagare di tasca mia nessuna pubblicazione, rinuncio al concorso e vi prego in futuro di darmi comunicazione solo di iniziative gratuite e libere sino in fondo. Cordialità. F.

Gent.le artista, nessun acquisto obbligato, chi partecipa non si sente obbligato e chi non partecipa… Non vedo perché la debba fare tanto lunga, non crede? Molte cordialità.

Gentilissimi, non voglio protrarre la cosa oltre misura, ero semmai interessato a capire il meccanismo: chi va a un concerto paga il biglietto (mica si sente obbligato) e chi non ci va… Adesso ho capito. Altrettante cordialità.

 

 

[1] (ndr) – tàs|sa, s.f., compenso obbligatorio corrisposto allo stato o ad altro ente pubblico come controprestazione di un servizio specifico: tasse universitarie, scolastiche, automobilistiche (da: Dizionario della lingua italiana, De Mauro Tullio, 2004, Paravia)

 

5 comments

  1. tutto sta nell’efficacia di quello che abbiamo da contrapporre alla meschinità e alla mediocrità di questi individui.
    è evidente che ci si può opporre solo se si dispone di un’alternativa valida. di una passione vera e di un pensiero organizzato.
    non è concesso nessun cedimento.
    nessuna debolezza.
    nessun compromesso.

    continua con la lotta. con l’opposizione durissima. di amici ne troverai. e di veri e disinteressati.

    a presto libito futuro

  2. Ogni tanto qui ci sono stati post “di lotta”, di opposizione allo stato “simoniaco” delle (patrie?) Lettere: l’editoria a pagamento, le recensioni pilotate, i concorsi a pagamento e altro. Forse – e anche di questo si è parlato – uno dei pregi dei blog (il carattere cronologico dei post, la dinamicità, la fluidità) costituisce anche un limite, confinando nella sfera dell’inattualità ciò che è stato scritto (molto) tempo prima, alla luce della forte gerarchia del tempo.
    In ogni caso, bisogna tenere duro, farsi delle idee (chiare) prima che degli amici.
    ad libitum
    F.

  3. noto che nella blogosfera ultrapassatista i post più interessanti finiscono senza commenti.
    rimediamo in sintesi.

    anno 2008.
    notizie dall’alto Medioevo.
    Il nostro Medioevo. Medioevo culturale.

    IGNORARE QUESTI MERCANTI STRACCIONI.
    OPPORSI SEMPRE A QUESTA RAZZA VILE

    apprezzamento + stima + condivisione

    ad futurum

    http://www.netfuturismo.it

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s