Visita di un poeta bambino

 

Questo altro articolo, che ho trovato e tradotto, accenna brevemente a come Nika Turbina ha trascorso gli altri giorni di quella settimana del 1987. Fra l’altro si parla esplicitamente del 9 Novembre alla Buckingham, Browne and Nichols School e della sua partecipazione ad alcune lezioni di Russo…

 

 

10 Novembre 1987, The Harvard Crimson
di Melanie R. Williams

 

 

Una scuola di Cambridge ha ospitato ieri un poeta famoso in tutto il mondo. Il poeta in questione ha solo 12 anni.
Nika Turbina, bambina prodigio dell’Unione Sovietica, è entrata nelle aule della Buckingham, Browne and Nichols School e letto alcuni testi in lingua originale.
La visita fa parte di un ciclo di incontri programmati per questa settimana nel Regno Unito, con una tappa anche a New York.
Prima di leggere, Nika Turbina ha vissuto l’esperienza della scuola come tutti gli altri ragazzi, seduta tra i banchi, durante lezioni di russo e recitazione. «Questa scuola è come una casa. Le lezioni sono tutte molto naturali», dice per bocca del traduttore.
Al termine, ha recitato alcuni testi a un gruppo di studenti che si sono fermati per ascoltarla. È stata l’occasione per porle domande diverse e scoprire, fra l’altro, che Nika Turbina ama la matematica e gli hamburger.
C’è stato poi ancora tempo per un giro all’Harvard Square.
La carriera letteraria di questa bambina inizia a 5 anni, quando compone la prima poesia. All’età di 8 risale invece la prima raccolta, First Draft. Il libro, recentemente pubblicato e accolto con grande entusiasmo negli ambienti letterari di tutto il mondo, è scritto in Russo, ma già è stato tradotto in Inglese, Francese e Italiano.
I temi della sua poesia vanno dalla morte alla guerra, dalla famiglia alla natura e l’approccio e lo stile risultano insolitamente complessi e maturi a fronte della giovanissima età.
«Scrivo di molte cose, cose che vedo, cose che sento, che accadono intorno a me», dice.
Nell’introduzione al libro, il celebre scrittore sovietico Yevgeny Yevtushenko accenna al primo incontro con Nika Turbina, quanda ancora aveva 8 anni e annota tutta la sorpresa di fronte alla sua poesia. Il giornale “Komsomolskaya Pravda” fu il primo a pubblicare alcuni testi nel 1983.
Da allora, Nika Turbina ha ricevuto vari riconoscimenti e l’incisione su disco delle proprie letture ha venduto già 30000 copie in Unione Sovietica.
Il prossimo incontro è in programma presso la Newton North High School, prima della partenza per il Queens College a New York. Se potesse aggiungere ancora un’ultima tappa, dice, sarebbe «...a Disneyworld in Florida, perché tutti, bambini e adulti, sognano un giorno di andarvi».
Il ritorno in Unione Sovietica è previsto per la fine di questa settimana.
Alla domanda su cosa maggiormente l’ha colpita in questo viaggio, risponde «…la gentilezza e i modi delle persone».

One comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s